ForaGarimpoForaCovid. L’appello degli Yanomani contro i cacciatori d’oro.

Sono 20.000 i cercatori d’oro che hanno invaso le terre degli Yanomani negli ultimi mesi, distruggendo la foresta e portando dovunque il coronavirus, grazie alla negligenza  compiacente del governo Bolsonaro. In un appello drammatico indirizzato ai Ministeri della Giustizia e della Salute le organizzazioni indigene della nazione Yanomani  ne chiedono l’allontamento immediato, chiedendo a noi di “unirsi” a loro in questa richiesta  “per impedire che il coronavirus  contagi le loro famiglie”.

Qui puoi firmare la petizione https://www.foragarimpoforacovid.org/#assine

Testo dell’appello

Contro il coronavirus: rimozione immediata di tutti i cercatori d’oro dalla Terra indigena Yanomami!

Le comunità del territorio indigeno yanomami sono gravemente minacciate! In passato, abbiamo perso molti dei nostri parenti per le epidemie importate dai non-indigeni e oggi continuiamo a soffrire per quelle perdite. Non vogliamo che ci portino altre malattie minacciando la vita dei nostri cari.

 

Oggi, ancora una volta, siamo a rischio di una Xawara (epidemia), che chiamate Coronavirus, portata dai non-indigeni. Le nostre comunità sono lontane dalle città e soffrono già per un aumento dei casi di malaria, con servizi insufficienti per curare i nostri parenti malati. Non vogliamo che la situazione peggiori con l’arrivo del Coronavirus.

 

Chiediamo un intervento urgente per prevenire la diffusione di altre malattie tra di noi. I cercatori d’oro entrano ed escono dalle nostre terre in cerca d’oro senza alcun controllo. Si spostano tra le nostre comunità senza alcuna protezione sanitaria: è solo questione di tempo prima che la Xawara Coronavirus si diffonda tra noi. Siamo anche preoccupati per i Moxihatëtëa, gruppi di indigeni incontattati che non sanno nulla della Xawara portata dai non-indigeni. Dobbiamo impedire che questa invasione si trasformi in un’altra tragedia. Dobbiamo proteggere le vite degli Yanomami e degli Ye’kwana!

 

Il Forum dei Leader del territorio Terra Indigena Yanomami ha già deliberato che vogliamo vivere senza attività minerarie e in buona salute. Dobbiamo agire prima che sia troppo tardi. Unisci a noi per impedire che il Coronavirus contagi le nostre famiglie. Esigiamo che le autorità del Ministero della Giustizia e del Ministero della Salute prendano misure urgenti coordinandosi con le altre agenzie governative e tramite appropriate precauzioni tecnico sanitarie al fine di rimuovere completamente i cercatori d’oro che si trovano nella nostra terra.

4 giugno 2020

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

I commenti sono chiusi.