Un premio per i diritti umani e difesa dell’ambiente ai nostri partner brasiliani

Justiça nos Trilhos, associazione brasiliana nostra partner, ha ricevuto lo scorso 27 novembre un importante Premio internazionale su diritti umani e di lavoro, per il suo impegno in difesa delle comunità Carajás nello Stato del Maranhão.  Il riconoscimento che consiste in una sovvenzione di 50mila dollari, è stato consegnato nelle mani dell’avvocato Danilo Chammas, dalla Fondazione per i diritti umani e Business Award, a Ginevra, nell’ambito del Forum delle Nazioni Unite sulle imprese ei diritti umani.

Lavoriamo per il rafforzare Diritti Umani – ha dichiarato Chammas –  perché crediamo che siano al centro della democrazia, ma abbiamo ancora molta strada da fare.  Per noi -ha continuato- il premio non è solo il riconoscimento del lavoro di Justiça nos Trilhos, ma anche delle lotte delle comunità e di tutte le organizzazioni che lavorano in difesa dei diritti umani e dell’ambiente”.

Justiça nos Trilhos è un’organizzazione che lavora a stretto contatto con le Comunità locali nelle aree remote del Brasile con popolazioni indigene, contadini e afro-discendenti per affrontare le problematiche legate ai diritti Umani e agli abusi ambientali delle compagnie minerarie e siderurgiche.

E’ nostra partner nel progetto “Proyecto Empresas transnacionales y Principios Rectores: hacia mecanismos efectivos para la protección de derechos humanos en América Latina”. Per la promozione del rispetto dei diritti umani da parte delle multinazionali secondo i principi guida Onu.

Il progetto:

Negli ultimi anni, in Perù, Colombia, Argentina e Brasile sono cresciuti gli investimenti delle multinazionali estere che si sono insediate nei territori portando con loro importanti conseguenze ambientali e sociali. Gli strumenti ideati per il rispetto dei diritti umani e degli standard sociali e ambientali sono ancora molto deboli e poco utilizzati. Le popolazioni che difendono i loro diritti non riescono ad ottenere risposte alle loro rivendicazioni ma anzi vivono in un contesto dove la protesta sociale è criminalizzata. Nel 2011 nell’ambito delle Nazioni Unite sono stati approvati i “Principi guida per le imprese e i diritti umani” ed è proprio a partire da questi che nasce il progetto “Empresas transnacionales y Principios Rectores: hacia mecanismos efectivos para la protección de derechos humanos en América Latina” (Imprese transnazionali e Principi guida: verso meccanismi efficaci per la protezione dei diritti umani in America Latina). L’obiettivo di questo ambizioso progetto transnazionale è quello di promuovere nei territori in questione strategie e azioni di visibilità, difesa, promozione e garanzia dei diritti umani, basandosi sulle linee guida dell’ONU per raggiungere risultati concreti nei territori.