Con la campagna “Ero Straniero” l’umanità ha trionfato: ben 85mila firme raccolte

Buone notizie per chi non vuole sentirsi straniero/a per tutta la vita

Erano necessarie 50.000 firme per poter sottoporre la proposta di legge di iniziativa popolare all’attenzione del Parlamento: in sei mesi ne sono state raccolte ben 85.000. Un traguardo affatto scontato, considerando la forte tensione che si respira all’interno del nostro Paese, e non solo, riguardo al fenomeno dell’immigrazione, con leggi e diritti annessi.

La campagna è partita a maggio 2017, in tutta Italia, con la raccolta firme per la legge di iniziativa popolare dal titolo “Nuove norme per la promozione del regolare permesso di soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari”.

Ero straniero – L’umanità che fa bene” si propone di cambiare anche il racconto pubblico sull’immigrazione, ostaggio di pregiudizi, luoghi comuni e vere e proprie “bugie” che, invece di contrastare, la politica spesso sceglie di cavalcare per guadagnare consenso.

Venerdì 27 ottobre i promotori della campagna saranno presenti in piazza Montecitorio per tenere una conferenza stampa e poi consegnare le firme certificate alla Camera dei Deputati.

Una data che pre-inaugura il XVI congresso di Radicali Italiani, incontro che sarà preceduto da un convegno dedicato al tema dell’integrazione europea e alle riforme indispensabili rivolte a un’Italia che intenda riconquistare il proprio ruolo in Europa. La convention si concluderà con le dichiarazioni di Emma Bonino. Ricordiamo che, lo scorso 12 aprile, è stata lei, insieme ad altre organizzazioni, a lanciare ufficialmente la campagna con l’obiettivo di superare la legge Bossi-Fini e cambiare le politiche sull’immigrazione, puntando su inclusione e lavoro.

 

Anche COSPE onlus ha aderito alla campagna e ha contribuito con l’organizzazione di eventi di raccolta firme sul territorio fiorentino.

 

Firenze, 23/10/2017