Condannata Wafaa Charaf. Vergognosa sentenza in Marocco

Lo scorso 20 Ottobre i due attivisti Wafaa Charaf, giovane giornalista e Boubker El Khamlichi, Presidente di Chabaka arrestati lo scorso 9 luglio  a Tangeri dopo una lunga serie di intimidazioni, sono stati condannati rispettivamente a due anni e un anno.  L’accusa è quella di  “denuncia calunniosa” e con la “falsa dichiarazione di tortura e sequestro”. Una sentenza vergognosa e inaspettata che rivela quanto in pericolo siano i diritti civili e  la libertà di espressione in Marocco in questo momento.

Da mesi è in piedi una mobilitazione nazionale e internazionale, coordinata da Chabaka il nostro partner marocchino, per la loro liberazione.  Tra le azioni anche una lettera inviata al Ministro degli Interni e al Ministro della Giustizia e Libertà del Regno del Marocco . Per ora gli appelli e le lettere non hanno sortito nessun effetto ma la campagna per liberare Wafaa e Boubker  e per affermare il diritto di espressione e di informazione nel paese.

Wafaa Charaf è un’attivista del movimento del 20 Febbraio, militante dell’Associazione Marocchina Dei Diritti Umani (Association Marocaine Des Droits Humains_ AMDH), e membro del partito “La Via Democratica ( La Voie Democratique)”.

Tutto porta a credere che il suo arresto e le rappresaglie giudiziarie siano un attacco contro di lei, vittima di una vendetta politica per aver osato opporsi e per aver denunciato pubblicamente i metodi usati dalla polizia e dalle autorità marocchine.

Si tratta di una palese violazione della libertà civile, e una condanna esemplare che mira a far ritirare le denunce delle vittime e dei querelanti, invece di arrestare i torturatori.

Nell’esprimere la nostra piena solidarietà a Wafaa Charaf, chiediamo di nuovo  il suo rilascio incondizionato e chiediamo alle autorità marocchine di far luce sulle gravi accuse presentate dalla querelante, commesse dagli agenti di sicurezza, dipendenti diretti del governo, che dovrebbero essere al servizio di tutti i cittadini.

 La storia di Wafaa, incontrata da Maria Donata Rinaldi, COSPE.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento