A Bologna, tra “migrazioni e diritti”, la relazione finale Jo Cox

Il 2 dicembre 2017, a Bologna al Centro Interculturale Zonarelli in Via G.A. Sacco 14, dalle ore 9.30 alle 14.00 si terrà l’incontro conclusivo del percorso di condivisione del Piano locale per un’azione amministrativa non discriminatoria nei confronti dei nuovi cittadini e delle nuove cittadine. Il Piano d’Azione comunale per i nuovi diritti di cittadinanza con un approccio basato sui diritti umani nasce dal processo partecipativo pensato e sviluppato all’interno di un corso di formazione del progetto europeo AMITIE CODE. Durante la sua definizione è stata posta particolare attenzione alle comunità e alle persone migranti, target principale del progetto, in quanto particolarmente esposti a difficoltà nell’accesso ai propri diritti. Il Piano locale verrà presentato alla cittadinanza da Susanna ZaccariaAssessora Pari opportunità e differenze di genere, Diritti LGBT, Contrasto alle discriminazioni, Diritti dei nuovi cittadini del Comune di Bologna, per informare, sensibilizzare e raccogliere i contributi dei presenti. Durante l’iniziativa Udo C. Enwereuzor, Responsabile Migrazioni, minoranze e diritti di Cittadinanza per COSPE, presenterà la relazione finale della Commissione Parlamentare “Jo Cox” all’interno del panel “Espressione pubblica dell’odio: una minaccia per la coesione sociale nella comunità”.

Il Piano d’Azione è strutturato lungo tre assi tematici: benessere, partecipazione e non-discriminazione. Per ogni asse sono stati individuati da uno a tre obiettivi e, per ogni obiettivo, da due a cinque azioni orientate a tradurre gli obiettivi in proposte e pratiche operative, ai quali si aggiunge un obiettivo trasversale. Il Piano d’Azione sarà oggetto di discussione e integrazione nell’ambito di un percorso partecipato organizzato dall’U.I. Diritti e Nuove Cittadinanze. Sarà discusso e condiviso con le altre Pubbliche Amministrazioni del territorio, con l’Università di Bologna, le organizzazioni delle comunità migranti, dei datori di lavoro, della società civile, dei sindacati e con gli altri soggetti interessati a partecipare.

Qui il programma completo.

 

 

Firenze, 30/11/2017