“Prenditela comoda”! A Bologna prende il via la campagna per la mobilità sostenibile

Contro i cambiamenti climatici, cominciamo dalla bici e dai trasporti urbani. È questo il messaggio della campagna che prenderà il via a Bologna nell’aprile 2019: “Prenditela comoda, usa la bici – A Good Life is simple”, un’iniziativa sulla mobilità sostenibile promossa da COSPE in collaborazione con Salvaiciclisti Bologna e la velostazione Dynamo e con il patrocinio del Comune di Bologna.

La campagna, che richiama l’impegno di tutti nella lotta ai cambiamenti climatici a partire dal cambiamento delle abitudini e stili di vita, si inserisce nella visione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) della città metropolitana, il primo approvato in Italia a livello metropolitano, che si immagina nel 2030 una Bologna nella quale siano ribaltate le proporzioni attuali della mobilità sostenibile (piedi, bici, trasporto pubblico) arrivando al 60% -70%.

Sono infatti le città, pur occupando solamente il 3 per cento della superficie terrestre, ad essere responsabili del 60-80% del consumo energetico e del 75% delle emissioni di carbonio. Il settore dei trasporti inoltre è uno dei principali responsabili in termini di produzione di CO2, tanto da superare in Italia un quarto delle emissioni totali. Proprio in Italia nel 2018 si è registrata una temperatura superiore di 1,53 gradi rispetto alla media (National Climatic Data Center, 2018), trend confermato anche a livello europeo, dato che il 2018 è stato, per il terzo anno consecutivo, fra i più caldi in Europa dall’inizio delle misure globali.

A fronte di un peggioramento della situazione globale il report “Global Warming of 1,5°C”, pubblicato nel 2018 dal Panel Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (PICC), denuncia la necessità di contenere le temperature terrestri entro 1.5° e non più entro i 2° come si era ipotizzato con lo storico Accordo di Parigi. In un quadro generale allarmante e a fronte di sfide globali, “Prenditela comoda”, ha l’obiettivo di lottare contro i cambiamenti climatici a partire dalla quotidianità e si rivolge principalmente a chi si muove al lavoro con mezzo privato presentando uno degli aspetti più vantaggiosi del muoversi in bici in città: il risparmio di tempo dato grazie alla straordinaria efficienza della bicicletta che rimane il mezzo più veloce per tragitti inferiori ai 5 km, ma anche alla semplicità del suo utilizzo, che non occupa spazio, non ingombra lo spazio pubblico ed è semplice da parcheggiare, mentre l’uso dell’auto costringe spesso a lunghi tempi di attesa nel traffico.