Gaza: bombardata l’Università e la speranza di un futuro migliore

A causa dei bombardamenti avvenuti per più di trenta giorni, l’Università di Scienze Applicate di Gaza (UCAS) è completamente inagibile. “Come ben sapete – scrive Rifat Rustom, rettore dell’Università di Gaza nel report “Damages report of the University College of Applied Sciences” – la striscia di Gaza è stata colpita, come mai prima d’ora, da migliaia di bombe israeliane via aria, terra e mare. Le bombe hanno devastato case, scuole, università, ospedali e molte altre strutture civili. UCAS, luogo di formazione universitaria, è tra gli edifici che ha sofferto maggiormente durante questi attacchi aggressivi.”

Il College, partner COSPE nell’ambito del progetto Daedalus, è stato colpito da più di un centinaio di bombe che hanno danneggiato, in alcuni casi in maniera irreversibile, aule, uffici e laboratori per un totale di due milioni e mezzo di dollari.

L’Università, nata nel 1998, ospitava circa 8000 studenti e il loro desiderio di dare un futuro più luminoso alla Palestina; era l’unico ente di alta formazione tecnologica e tecnica in tutta la striscia di Gaza.

Animata ancora della volontà di offrire cultura e capacità professionali, necessarie oggi più che mai, l’Università diffonde le immagini degli edifici distrutti e delle aule inagibili, chiamando a raccolta tutti coloro che intendono donare o dare qualsiasi tipo di assistenza per la riabilitazione e ricostruzione del College, perché – come si legge nel report – il popolo palestinese aspira a raggiungere giustizia, libertà ed indipendenza e nessun bombardamento potrà mai soffocare tale aspirazione.

Leggi il Report_UCAS

Contatti:
International Relations
University College of Applied Sciences
P.O. Box: 1415, Gaza, Palestine
Tel: + 970 8 2868999
Fax: + 970 8 2840020
Sito web: www.ucas.edu.ps
E-mail: ir@ucas.edu.ps

Dati bancari:
Bank of Palestine
Bank No: 89
Branch No: 454 Remac, Gaza
account No: 111700
Swift: Pal SPS22

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento