Solidarietà con l’Onorevole Laura Boldrini

Solidarietà con Laura Boldrini

 

COSPE è solidale con  l’Onorevole Laura Boldrini e rilancia l’appello promosso da Daniela Colombo – Presidente di AIDOS, Associazione italiana donne per lo sviluppo.

 Solidarietà con l’Onorevole Laura Boldrini, Presidente della Camera dei Deputati e delle Deputate.

“A seguito della vicenda che ha visto inasprirsi gli attacchi sessisti  del Movimento cinque stelle nei confronti della Presidente della Camera, sfociati nella decisione di querela da parte di due “cittadine” grilline, ci sentiamo di esprimere tutta la nostra solidarietà all’Onorevole Laura Boldrini. Quest’ultima è da tempo sotto attacco da parte di Beppe Grillo e dei suoi sostenitori. I continui insulti e le conseguenti minacce hanno visto l’Onorevole Boldrini reagire con fermezza, denunciando a voce e pubblicamente quanto stava avvenendo.

Oggi coloro che hanno portato avanti in modo provocatorio questa grave linea di condotta, che dovrebbe inoltre essere linea politica, querelano la donna da loro insultata per mesi, mostrando, come il loro linguaggio e le loro azioni abbiano un orizzonte di riferimento preoccupante che richiama una cultura sessista e violenta che vede come obiettivo da combattere le donne in quanto donne, utilizzando come testa d’ariete proprio due delle loro “cittadine”. Questo vecchio e conosciuto atteggiamento vede come minaccia l’autodeterminazione femminile, portando con sé aggressività e maschilismo che individuano come primo bersaglio il corpo stesso delle donne.

Sul blog del leader del M5S in un post intitolato “Il M5s querela la Boldrini per diffamazione”, a firma di Roberta Lombardi, ci si domanda se è possibile che la Terza carica dello stato possa esprimersi con un linguaggio che li definisce eversivi e potenziali stupratori.

Noi, dando tutto il nostro sostegno all’Onorevole Boldrini, ci chiediamo come definiscono ciò che è stato scritto sui loro blog, sui loro social network e ciò che è stato detto a voce nella Camera dei Deputati e delle Deputate. Non si tratta di mera volgarità. Quegli insulti offendono tutte e tutti nutrendo una cultura maschilista che non può essere accettata in uno Stato che si definisce moderno e democratico”.

Daniela Colombo – Presidente di AIDOS, Associazione italiana donne per lo sviluppo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento