Scoprire in Emilia il caffè dell’Ecuador, attraverso la voce di chi lo produce.

Il 26 settembre “L’Albero del Caffè”, nostro partner, organizza a Zola Predosa (in Provincia di Bologna) un incontro di presentazione e approfondimento del progetto attivo in Ecuador sulla filiera del caffè e del cacao.

Alla serata saranno presenti, oltre agli organizzatori, anche ZAGAS (Gruppo di Acquisto Solidale del paese), alcuni rappresentati di COSPE e una delegazione proveniente dalle zone dell’Ecuador dove lavoriamo.

L’incontro sarà incentrato sulla tematica del caffè nel territorio ecuadoriano (in particolare nella Valle del Rio Intag e nella Provincia Carchi) affrontata nel dettaglio e da diversi punti di vista.  Il programma della serata è ricco di interventi che raccontano non solo il territorio e l’azione del progetto ma anche la vita quotidiana dei lavoratori e delle lavoratrici che vivono della produzione di caffè e che coltivano la speranza di coinvolgere in questa anche le nuove generazioni.

L’evento si aprirà con i saluti del Sindaco e la presentazione dei relatori e delle associazioni presenti e con la proiezione di un video realizzato nei luoghi di intervento del progetto che attraverso immagini e testimonianze ci farà scoprire il territorio e alcune prime storie, “Sì me gusta el cafè”.

L’ intervento di Lorena Mongardini, cooperante COSPE in Ecuador, che presenterà il territorio della Valle del Rio Intag, introdurrà le testimonianze e i racconti dei nostri ospiti ecuadoriani. Edgar Ramiro Fuentes Gomez, responsabile amministrativo di AACRI racconterà la storia e l’organizzazione dell’associazione, sottolineando l’importanza dell’agricoltura biologica e il suo valore nella coltivazione di caffè.

Successivamente, Mayra Johanna Carcelén Haro, responsabile commerciale e coordinatrice di AACRI descriverà proprio come questo tipo di agricoltura abbia rafforzato l’identità locale e, come donna lavoratrice, racconterà il suo ruolo nella società e ci permetterà di entrare nel suo quotidiano, descrivendoci i compiti e la routine di chi produce caffè. Sonia Elizabeth Arias Pasquel, responsabile torrefazione Rio Intag e tostatrice, farà chiarezza su quale è il ruolo della donna in generale nella società ecuadoriana ma anche nella stessa filiera del caffè e come parte attiva dell’associazione AACRI.

Nella seconda parte dell’incontro invece è previsto un focus sulle Valli Pastum, nella Provincia di Carchi. L’intervento di Wilson Patricio Puetate Bastidas, membro di COSPE e Aromas del Goaltal descriverà le caratteristiche delle diverse valli e darà un importante rilievo al tema del traffico illegale di droga che pone importanti sfide alla vita della comunità. La serata si concluderà con l’intervento di Sixto Maximiliano Pozo Andrade, Presidente Bosque Nublado, che parlerà del ruolo che il caffè può ricoprire come risposta possibile per un futuro di legalità e di come in questo le giovani generazioni abbiano un ruolo determinante.

In Ecuador la produzione di caffè è presente da oltre un secolo e coinvolge circa cinquantamila famiglie, con una tradizione che si tramanda di padre in figlio. I progetti in questo territorio puntano a rafforzare le competenze dei locali e ad integrare le tradizioni con elementi innovativi che possano valorizzare ancora di più il prodotto e la sua qualità.

Una sfida importante sul territorio e per la produttività del caffè è posta dal cambiamento climatico a cui è necessario saper rispondere attraverso tecniche produttive che seppur semplici possano avere un impatto enorme sull’intero settore.

Qui la locandina dell’evento.

13 settembre 2018