“Destinazione Sud” e “Terra di Tutti”: due festival, un’unica visione

Giovedì 15 marzo nel comune di Randicondoli, in provincia di Siena, torna “Destinazione Sud Festival”, un insieme di documentari, mostre d’arte, musica, workshop e cinema sociale che hanno lo scopo di raccontare il Sud del mondo. L’evento, quest’anno alla sua 5° edizione, è stato organizzato grazie alla collaborazione con il Terra di Tutti i Film Festival, le ong COSPE Onlus e GVC Onlus.

Per quattro giorni, sino a domenica 18 marzo, artisti della fotografia e della pittura, musicisti, registi e videomakers animeranno il borgo toscano per raccontare 16 storie originali ambientate nel Sud del Mediterraneo, e del mondo, per promuovere una visione altra, alternativa di realtà che spesso sono ignorate o soffocate da stereotipi.

Destinazione Sud Festival si inaugura  con una prospettiva sul popolo sikh, con un racconto fotografico e un docu-musical. Il venerdì è dedicato ai più giovani e alla storia migrante del Mediterraneo. Si racconterà di Loza, bambina di 5 anni, obbligata ad attraversare il Mediterraneo da sola, degli adolescenti di Tunisi e Sfax e di yacht usati per soccorrere migranti, per concludere la giornata con un concerto del musicista tunisino Marzouk Mejri. Il sabato ha un’impronta più internazionale, si racconterà di paesi quali l’Afghanistan, la Siria, Cuba. Tra le proiezioni di sabato, sarà presentato il docufilm “Herat Football Club” di Stefano Liberti e Mario Poeta, promosso da COSPE Onlus, che racconta la storia, con le sue molte difficoltà, di una squadra di calcio afghana femminile.

Non manca al Festival la prospettiva italiana. Sabato, si parlerà dei richiedenti asilo di Radicondoli, grazie alla produzione di tre giovani videoreporter. Domenica, in occasione del cinquantesimo del ’68, inizierà la giornata dalla retrospettiva sui movimenti giovanili in Italia con la proiezione di “La teoria della lumaca. Conversazioni con Erri de Luca” di Elena Fiorenzani.

Guarda qui il programma completo di Destinazione Sud Festival.

SABATO 17 MARZO

18.00, Teatro dei Risorti

presenta Jonathan Ferramola, direttore del Terra di Tutti Film Festival

Herat Football Club

documentario di Stefano Liberti e Mario Poeta | Italia, Afghanistan | 2017 | 25’

Documentario su una squadra di calcio femminile in Afghanistan.“Siamo completamente coperte. Il velo ci dà un po’ fastidio, ma solo così ci permettono di giocare. Abbiamo fatto un compromesso”.

8 marzo 2018