Vinicio Ongini presenta il suo nuovo libro “Grammatica dell’integrazione”

Firenze, 5 dicembre 2019 – “Nel tempo delle passioni tristi, dell’emergenza migranti e di “prima gli italiani” abbiamo ancor più bisogno di arte, fantasia, immaginazione. E di una grammatica dell’integrazione che insegni a costruire il senso del possibile, che aiuti a scegliere i materiali e le tecniche per coltivare speranza, per costruire legami di comunità”. Di questo parla il nuovo libro di Vinico Ongini “La grammatica dell’integrazione” che verrà presentato il prossimo venerdì 6 dicembre ore 17.00 all’Istituto Sassetti Peruzzi di Firenze.  Un racconto prezioso delle tante realtà che nella scuola italiana da anni praticano l’integrazione a firma del maestro Ongini, uno dei massimi esperti di questo tema nel nostro paese.

“L’integrazione tra italiani e stranieri è a scuola una realtà. – si legge nella presentazione del libro a cura di Laterza – Il libro chiama a raccolta i protagonisti delle tante esperienze positive in atto da anni nelle aule del nostro paese: insegnanti, presidi, alunni, sindaci, genitori, artisti mostrano i tanti modi in cui l’integrazione si declina. (…) Fare integrazione vuol dire allora costruire legami di comunità e scoprire che l’influenza reciproca può essere vantaggiosa per tutti. Nel tempo dell’‘emergenza migranti’, di ‘prima gli italiani’, abbiamo bisogno più che mai di una ‘grammatica dell’integrazione’ che insegni a costruire nuove visioni di futuro”.

Con l’autore intervengono: Cristina Giachi, vicesindaca di Firenze, Ernesto Pellecchia, direttore Ufficio Scolastico Regionale Toscana, Maria Omodeo, CRID – Centro Ricerche Interculturali e Documentazione Didattica, Pan Shili, AICIC – Associazione Interscambio Culturale Italia-Cina, Alessandra Papa, Ufficio Scolastico Regionale Toscana. Modera: Osvaldo Di Cuffa, dirigente Istituto ‘Sassetti Peruzzi’.

L’evento rientra fra le attività del progetto “Apriti Sesamo” sostenuto dal “fondo asilo, migrazione, integrazione 2014- 2020” dell’Unione Europea, in collaborazione con la rete educativa “Scambiando si impara” coordinata e animata da COSPE, cooperativa sociale Tangram e l’associazionismo culturale dei cinesi in Italia. Ad oggi ne fanno parte 18 scuole toscane ed altrettante scuole cinesi.

L’evento rientra tra le iniziative di formazione realizzate in coerenza con le priorità richiamate dal Piano Nazionale per la formazione dei docenti. Sarà rilasciato attestato di partecipazione.