Acqua e produzione agroecologica a San Antonio, Cochabamba

[di CeVi] Nel Dipartimento di Cochabamba, nella comunità rurale di San Antonio, situata nel Comune di Aiquile, si possono considerare concluse tutte le opere di infrastruttura previste nell’ambito del progetto Pachamama.

Le azioni realizzate hanno avuto l’obiettivo di aumentare la disponibilità d’acqua per consumo umano e usi produttivi e di migliorare la produzione agroecologica comunitaria e familiare. Nello specifico è stata completata la costruzione di due cisterne della capacità di 52.000 litri ciascuna con il relativo sistema di captazione dell’acqua piovana ed un sistema idraulico che permette il suo utilizzo. La stagione delle piogge, ormai prossima all’arrivo, permetterà di accumulare nelle due cisterne un totale di 104.000 litri d’acqua piovana ogni anno che la comunità avrà a disposizione per il consumo e per l’irrigazione.

Sono state inoltre installate, con la partecipazione attiva della comunità, tre serre dotate di sistema di irrigazione a goccia per la coltivazione di plantule ed ortaggi biologici che contribuiranno al miglioramento dell’alimentazione di tutta la comunità.

Infine, per contribuire all’efficienza della produzione agricola familiare, tre famiglie sono state beneficiate di sistemi di irrigazione a goccia che permettono di duplicare la produzione di ortaggi destinati al mercato aumentando in questo modo gli ingressi economici.

Il lavoro nella comunità di San Antonio non è da considerarsi concluso. Il progetto Pachamama prevede infatti l’esecuzione di attività di monitoraggio e formazione tecnica sulla produzione agroecologica e sull’uso efficiente dell’acqua che i partner del progetto realizzeranno nel corso dei prossimi mesi d’implementazione dell’iniziativa.

Gli interventi di infrastruttura descritti sono stati conclusi ed inaugurati in concomitanza con la visita di monitoraggio dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), finanziatore del progetto Pachamama, nel corso della prima settimana di ottobre del presente anno. La dott.ssa Ferrara e dal dott. Pasquali hanno visitato la comunità San Antonio e le opere realizzate nell’ambito di una missione di monitoraggio dell’avanzamento tecnico ed amministrativo di questa iniziativa di cooperazione internazionale. Opportunità per dare visibilità al lavoro finora svolto e allo stesso tempo discutere strategie e proposte per potenziare l’impatto dell’intervento.