#SilenceHate. L’odio corre sul web

Domenica 9 ottobre l’Internet Festival ospita un incontro organizzato da COSPE sull’hate speech on line e i modi di contrastarlo.

All’Internet Festival di Pisa (6-9 ottobre) “Forme di futuro”, dove di celebreranno i 30 anni di internet, si parlerà anche di odio on line: ovvero quel fenomeno attraverso cui “si diffondono on line discorsi di istigazione all’odio nei confronti di una persona o di un gruppo di persone, basate sull’origine nazionale o etnica, colore, lingua, religione, disabilità, sesso, genere o altra caratteristica o status” .

L’hate speech, esplorato dal punto di vista legale, giornalistico, psicologico ed etico, sarà infatti al centro dell’incontro“#SilenceHate. Quando l’odio corre sul web” (domenica 9 ottobre ore 10-13/ Scuola Superiore Sant’Anna) organizzato da COSPE onlus nell’ambito del progetto europeo Bricks (Building Respect on the Internet by Combating Hate Speechwww.bricks-project.eu).

Il progetto, in due anni di vita, ha infatti promosso ricerche su giornalismo e migrazioni e percorsi di educazione ai media in Italia, Germania, Repubblica Ceca e Belgio.

In occasione dell’evento pisano verrà lanciato il report sulla situazione relativa all’hate speech nei quattro Paesi e il decalogo per community e social media manager sulla gestione dell’odio.

Il panel di Pisa, moderato da Sara Cerretelli di COSPE, parte proprio dalle analisi e dai dati emersi, dai diversi scenari europei a confronto e dalle proposte concrete che ne sono scaturite per guardare avanti e non farsi sorprendere o cogliere impreparati a gestire gli effetti collaterali della Rete ma attuare quelle promesse di partecipazione e libertà che ne sono costitutive.

Il panel sarà moderato da Marco Pratellesi – Neo Condirettore Agenzia AGI

Interverranno:

Giovanni Ziccardi – Professore di Informatica Giuridica dell’ Università degli Studi di Milano

“ L’evoluzione dell’ hate speech online”

Sven Gantzkow – Social media manager di WDR.de “ Esperienze di community management nelle redazioni per contrastare l’hate speech online

Klara Kalibova  – Direttrice di IUSTITIA “Il punto di vista delle vittime: buone pratiche per reagire all’ hate speech online”

Daniel Bonvoisin – Esperto di educazione ai media di Média Animation “Quale approccio alla libertà di espressione per l’educazione ai media nel contesto dell’hate speech online ?”

Martina Chichi – Associazione Carta di Roma “Il ruolo dei media e le responsabilità del giornalismo”

Scarica la Sintesi del Report europeo

Scarica il Decalogo di raccomandazioni per community e social media manager

 

Scarica il decaologo

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] il rapporto #SilenceHate, redatto nell’ambito del progetto BRICkS Against Hate Speech, evidenzia come non vi siano […]

I commenti sono chiusi.